La nostra pula di farro è ideale per realizzare cuscini naturali ed è più conosciuta ad essere adoperata per le imbottiture dei cuscini allattamento

Biodegradabile - Blog - Pula di farro

Pula di Farro Chi dorme sano vive meglio
PuladiFarro.com Chi dorme sano vive meglio
Chi dorme sano vive meglio
Chi dorme sano vive meglio
Vivi Meglio
Vai ai contenuti

Biodegradabile

Pula di farro
Pubblicato da in Proprietà della Pula ·
Tags: pulafarrobiodegradabilebiodegradabile
- BIODEGRADABILE
Pubblicato da Puladifarro.com
in Proprietà della Pula • 3 Agosto 2018

Tags: pula,farro,bio,degradabile,biodegradabile

- Cos'è la biodegredabilità?
La biodegradabilità è la possiblità di sostanze e materiali organici di degradarsi in sostanze più semplici tramite l’attività dei microorganismi.
Se questo processo si completa avviene una totale conversione delle sostanze organiche di partenza in molecole inorganiche semplici come acqua, anidride carbonica e gas metano.

Il processo fa parte del ciclo naturale della vita sulla terra e si basa principalmente sul carbonio.
Durante il processo di fotosintesi di piante ed alghe, grazie all'energia del sole, l'atmosfera sottrae l’anidride carbonica per sintetizzare gli zuccheri ed altre sostanze impiegate dai vegetali per la loro crescita.
Grazie alla catena alimentare, il processo per il cambiamento della materia va dalle piante agli erbivori e per finire ai carnivori.
Si nutrono del materiale organico alla morte degli organismi vegetali ed animali tramite processi naturali di biodegradazione che rilasciano acqua e anidride carbonica nell’atmosfera.
Con questi processi anche i rifiuti organici delle attività umane, possono essere smaltiti mediante la biodegradazione.
E' necessario individuare l’ambiente ideale nel quale questo fenomeno naturale può essere ottimizzato.
Per renderlo utilizzabile e soprattutto compatibile con i ritmi di produzione dei rifiuti organici stessi occorre definire il tempo di durata del processo.
Ogni rifiuto organico ha i suoi tempi, per esempio impiegheranno più tempo di amido e cellulosa la paglia e legno.
La natura chimica influenza molto la biodegradazione della sostanza o materiale che si intende biodegradare e dall’ambiente in cui avviene la biodegradazione.
Gli ambienti nei quali la biodegradazione avviene a ritmi adeguati e può essere gestita a livello industriale, sono quelli del compostaggio e della digestione anaerobica.
In questi sistemi si possono dunque lavorare rifiuti solidi organici, compresi i manufatti (ad esempio di plastica biodegradable) che hanno una velocità di biodegradazione compatibile con tali trattamenti.
Un altro ambiente attivo è il suolo: alcuni materiali si possono biodegradare nel suolo.



Nessun commento

Torna ai contenuti